Parole del fondatore, Thomas Lydell 


Un'esclamazione comune è: “Oh, conosci la lingua dei segni! Poi puoi comunicare facilmente con tutte le persone sorde australiane o statunitensi per esempio!" No, è sbagliato! La lingua dei segni non è la stessa in ogni Pese. Varia come variano le lingue vocali. Altrimenti il nostro dizionario spreadthesign.com non sarebbe di così grande utilità!

Come disse la regina svedese al lancio di spreadthesign.com nel lontanomarzo 2009: 

“Immaginate se tutti i bambini sordi potessero essere uniti da un'unica lingua - in tutto il mondo, una specie di Esperanto. Ma esistono grandi differenze tra le culture, tutto questo rimane un sogno.”

Scrivendo questo progetto, il mio desiderio era raccogliere segni da tutti i Paesi europei, presentarli e renderli accessibili nella nostra pagina web. La lingua dei segni si sviluppa tra le persone sorde; in spreadthesign.com si inseriscono solo segni esistenti ed utilizzati dalle stesse persone e non si inventano nuovi segni.


Nel triennio 2012-2015 Spread the sign era un progetto internazionale finanziato dall'Unione Europea attraverso il programma Leonardo Da Vinci e Lifelong Learning alla voce "Network Leonardo". Grazie al finanziamento di questo progetto abbiamo potuto allargare le partnership con altri Paesi e registrare nuovi segni. Oggi infatti ogni lingua ha a disposizione 15.000 segni documentati. Abbiamo inoltre organizzato con successo eventi di presentazione del progetto e del dizionario in ogni Paese. L'Unione Europea e il "Network Leonardo" ci hanno dato l'opportunità di mostrare come grazie a questo progetto è possibile migliorare la formazione professionale di studenti e bambini sordi di ogni Paese partner di Spread the sign.

Il nostro progetto è uguale a qualsiasi progetto, sotto costante controllo dell'agenzia nazionale svedese. Un aspetto molto positivo di questo è che ci forniscono preziosi feedback sui report periodici che inviamo loro. Gli ultimi report hanno ricevuto valutazioni positive da parte del Dipartimento di Education Deaf Studies dell'Università di Örebro in Svezia. La valutazione può essere scaricata in questa pagina.

Qui i link della Commissione e all'agenzia nazionale svedese, dove potete trovare altre informazioni.

http://ec.europa.eu/education/lifelong-learning-programme/doc82_en.htm
http://www.programkontoret.se

Questo è un report di valutazione richiesto dalla Commissione Europea e preparato dall'agenzia di consulenza ICF GHK di Londra nel 2011. Gli argomenti del report riguardano il progetto e il suo focus, l'approccio, gli aspetti innovativi, i risultati, l'impatto, i fattori di successo e la sostenibilità.

Valutazioni da scaricare
2008 | 2010 | 2015

Report dell'Unione Europea da scaricare
2011